Pamela Anderson e le solite reazioni allo stupro.

20:03


La notizia della violenza subita da Pamela Anderson sta facendo il giro del mondo così come le reazioni delle persone, l'Italia è in crisi perchè non riesce a maturare e l'economia è una conseguenza il vero problema è la mentalità italiana basata sulle caratteristiche apolitiche alla base di qualsiasi dittatura: l'egoismo, il menefreghismo, la voglia di rivalsa insana.
Sotto queste categorie potrete classificare tutti i migliori commenti lasciati sotto l'articolo in cui si parla della confessione della Anderson, che per la cronaca era lì per parlare di un'associazione non per pubblicizzare cipolle fritte.

Sotto troverete le reazioni italiane alla notizia di stupro di una star (le stesse che lessi a quella di Madonna tempo fa), QUI vi lascio i commenti degli utenti statunitensi riguardo alle battute riguardanti il tema dello stupro divulgate da una catena di locali. Quando l'Italia avrà quella civiltà?

Il migliore è lui:
Il simpatico Mauro che alla notizia di uno stupro di una bambina di 12 anni risponde così, purtroppo non è il solo a credere che lo stupro sia una cosa che alle donne piaccia. Sesso non consensuale e sesso consensuale sono indistinguibili per moltissime persone a quanto pare.


Poi ci sono quelli che sostengono che una confessione di stupro da parte di un personaggio famoso sia sempre e solo una ricerca di pubblicità, quanti personaggi noti hanno visto volare la loro carriera professionale dopo aver raccontato di aver subito uno stupro? Nessuno, per assurdo ammettere di assumere cocaina ha fatto volare la carriera di Kate Moss. 
Inoltre sottolineo il commento di Marco "stuprati o menate simili" menate per chi non lo sapesse vuol dire sciocchezze, per Mauro inconsciamente parlare di stupro in pubblico è una sciocchezza


Per lui parlare pubblicamente di uno stupro è una stronzata ed è ipocrisia (parola di cui probabilmente non conosce nemmeno il significato)



Poi si apre il settore: "Troia" un po' come l'uccisione tramite crocifissione della prostituta (che si prostituiva per 30 euro), c'è sempre chi ritiene la violenza su una donna che manifesta la propria sessualità qualcosa di meno grave se subita da una donna illibata.
Da questi commenti emerge un'idea ben chiara: non è vittima perchè mostra una sessualità esplicita.
Quindi vediamo Vito che ricalca la confusione tra sesso consensuale e stupro.
Alfonso sostiene che la Anderson si sia prostituita per avere una carriera, chi glielo dice che è stata scoperta ad una partita di football?
Secondo Rocco lo stupra fa crescere le tette e fa bene al fisico.




Per davide la vera prova dello stupro subito sarebbe stata una vita priva di espressione sessuale da parte di Pamela, mostrando la sua sensualità, perde la possibilità di essere vittima e diventa per l'ennesima volta nei casi di stupro una che "se l'è cercata"


Battute che non fanno ridere nessuno.


Per la serie "chissà se è vero?" "chissene frega" "lo fa per il gossip.



Quando c'è una notizia su un politico indagato nessuno dice "chissà se è vero", se fermano qualcuno con l'accusa di presunto colpevole nessuno ha questi toni così controllati, tranne che con lo stupro.
Vorrei proprio capire quando mai una carriera naufragata si è ripresa ammettendo di aver subito una violenza? MAI.
Nello stupro si cerca sempre una colpa e la si cerca di dare sempre alla vittima: se l'è cercato, non ha denunciato subito allora non è tanto vittima, l'ha detto dopo tanto tempo allora non ha valore, l'ha detto davanti a tutti allora c'è un secondo fine, ha fatto vedere le tette allora il suo stupro è meno grave di quello di una suora.

Parlare liberamente di queste cose può aiutare tantissime altre vittime, fargli capire che tutto passa che non sono sole e che quegli eventi non precludono le loro aspirazioni. Parlare in pubblico di eventi così drammatici aiuta tutti a prendere coscienza di cosa vuol dire subirle, sensibilizza. Molti della Anderson ricorderanno le tette e basta, vorrei ricordare a tutti il suo impegno nelle associazioni umanitarie e animaliste.



You Might Also Like

1 commenti

  1. Guglielmo Tell19 maggio 2014 23:48

    Che tristezza...come non darti torto...mi vergogno io per loro...

    RispondiElimina

Like us on Facebook

Flickr Images