La grande bellezza di Paolo Sorrentino

12:02



❤ http://ift.tt/1fw7W44 ❤ http://ift.tt/1bf5yu2 ❤ http://ift.tt/1fw7W45 ❤ http://ift.tt/1bf5yu3 ❤ Bancarella online http://ift.tt/1fw7Ucm Anno 2013 Durata 142 min Colore colore Audio sonoro Rapporto 2,35:1 Genere drammatico Regia Paolo Sorrentino Soggetto Paolo Sorrentino Sceneggiatura Paolo Sorrentino, Umberto Contarello Produttore Nicola Giuliano, Francesca Cima Coproduttori: Fabio Conversi, Jérôme Seydoux Produttori associati: Carlotta Calori, Guendalina Ponti, Romain Le Grand, Vivien Aslanian, Muriel Sauzay Produttore esecutivo Viola Prestieri Casa di produzione Indigo Film, Medusa Film, Babe Films, Pathé Distribuzione (Italia) Medusa Film Fotografia Luca Bigazzi Montaggio Cristiano Travaglioli Musiche Lele Marchitelli Scenografia Stefania Cella Costumi Daniela Ciancio Trucco Maurizio Silvi Interpreti e personaggi Toni Servillo: Jep Gambardella Carlo Verdone: Romano Sabrina Ferilli: Ramona Carlo Buccirosso: Lello Cava Iaia Forte: Trumeau Giovanna Vignola: Dadina Pamela Villoresi: Viola Galatea Ranzi: Stefania Franco Graziosi: Conte Colonna Sonia Gessner: Contessa Colonna Giorgio Pasotti: Stefano Giusi Merli: Suor Maria "La Santa" Dario Cantarelli: Assistente della Santa Roberto Herlitzka: Cardinale Bellucci Serena Grandi: Lorena Massimo Popolizio: Alfio Bracco Anna Della Rosa: "Non fidanzata" di Romano Luca Marinelli: Andrea Ivan Franek: Ron Sweet Vernon Dobtcheff: Arturo Lillo: Lillo De Gregorio Luciano Virgilio: Alfredo Anita Kravos: Talia Concept Massimo De Francovich: Egidio Aldo Ralli: Cardinale Isabella Ferrari: Orietta Fanny Ardant: Se stessa Antonello Venditti: Se stesso Doppiatori italiani Cristina Aubry: Dadina La grande bellezza è un film del 2013, diretto e sceneggiato da Paolo Sorrentino. Il film è stato presentato in concorso al Festival di Cannes 2013.[1] Il 25 settembre 2013 viene designato come film rappresentante il cinema italiano alla selezione del Premio Oscar 2014 al miglior film in lingua non inglese.[2] Il 20 dicembre seguente viene confermato nella "shortlist" di nove film selezionati per la candidatura[3] e il 16 gennaio 2014 viene candidato.[4] Il 12 gennaio 2014 vince il Golden Globe come miglior film straniero. L'ultimo film italiano aggiudicatario di questo premio della stampa estera a Hollywood era stato, nel 1990, Nuovo Cinema Paradiso di Giuseppe Tornatore. Il 16 febbraio 2014 vince ai BAFTA come miglior film in lingua straniera. Jep Gambardella è un giornalista di costume e critico teatrale navigato, dal fascino innegabile, impegnato a districarsi tra gli eventi mondani di una Roma così immersa nella bellezza del passato, che tanto più risalta rispetto allo squallore del presente. Cimentatosi in gioventù anche nella scrittura, ha scritto un solo libro, L'apparato umano. Non ha più scritto altri libri - nonostante questa sua prima opera fosse stata apprezzata - per la sua pigrizia ma soprattutto perché sente che nella sua vita non c'è più nulla in cui credere e da comunicare ad altri che vivono come lui. Lo scopo della sua esistenza è stato quello di divenire non solo "un" mondano ma il primo dei mondani, come lui stesso confessa: «Quando sono arrivato a Roma, a 26 anni, sono precipitato abbastanza presto, quasi senza rendermene conto, in quello che potrebbe essere definito "il vortice della mondanità". Ma Io non volevo essere semplicemente un mondano. Volevo diventare il re dei mondani. Io non volevo solo partecipare alle feste. Volevo avere il potere di farle fallire.»

You Might Also Like

1 commenti

  1. Purtroppo non è un atteggiamento con l'obiettivo di evitare furti. Ho fatto la commessa e la tecnica di vendita che ti obbligano ad eseguire è quella del pedinamento. Nel senso che devo stare sempre con lo sguardo puntato sulla cliente e cercare di servirla anche se lei preferirebbe guardare in santa pace. Devo proporgli tutto ciò che mi sembra possa interessarla e tutte le novità. Xke la cliente "servita" difficilmente uscirà a mani vuote una volta ke viene incoraggiata anche insistentemente a comprare e provare qualsiasi cosa. Personalmente ho notato che questo fa scappare i clienti e anche io quando faccio spese odio essere sottoposta a questi trucchetti manipolatori che conosco a memoria. Purtroppo le commesse sono obbligate a fare cosi: pena rimproveri o licenziamento. E ti dirò di più l'azienda controlla ogni singola vendita ke una commesse esegue e se è composta da un solo articolo vieni giudicata cm un incapace xke devi convincere a tutti i costi il cliente a comprare anche ciò che in realtà non aveva necessità di acquistare. Si chiama crosselling il proporre continuamente articoli diversi al cliente nella speranza ke spenda il più possibile. Inoltre ci sono finti clienti mandati dall'azienda ke verificano se le commesse adottano questa tecnica e le giudicano. Quindi la commessa di turno è obbligata alla vendita a tutti i costi a consigliare cose non appropriate. Secondo me è un metodo ingiusto. È anche vero che dal punto di vista economico funziona ma dal punto di vista umano no.

    RispondiElimina

Like us on Facebook

Flickr Images