plasmata da un filmetto

15:00



Ieri mattina durante la colazione, ho acceso la tv era su sky cinema e dava Soldato Jane, un film con una bellissima Demi Moore, quando uscì avevo 10 anni, lo vidi subito... erano gli anni 90 ed il girl power si respirava ovunque.
Rivedendolo ha suscitato in me tanti ricordi, appena visto ero così piena di energia, di rabbia che avrei spaccato tutto, all'epoca portavo i capelli lunghi "fino al sedere" era una cosa a cui tenevo tantissimo e per me erano simbolo di bellezza, femminilità e prestigio; dopo aver visto questo film mi ero convinta: volevo rasarmi i capelli.
Dopo qualche anno lo feci davvero e sapete? ci stavo di merda, non tutte siamo Sinead O Connor una volta rasate! ma mentre mi rasavo i capelli mi sentivo libera di respirare a polmoni pieni, ovviamente non erano i capelli ma il loro significante ingombrante che opprimeva a livello ideale la mia gabbia toracica emotiva.

Soldato Jane mi trasmise un messaggio importante da piccola: tutto è possibile, certo Hollywood con questa formula ci campa da anni ed anni, io ho solo scoperto l'acqua calda ma con pochi film ha risvegliato in me questa sensazione. Non sto qui a parlarvi del film, è un filmetto e renderlo un filmone solo per l'impatto emotivo mi renderebbe l'ennesima ciarlatana che gira su youtube o scrive sui giornali a proposito di cinema, ma quel film mi ha plasmata o forse l'intero decennio 90's mi ha cambiata facendomi crescere con l'idea che essere una ragazza fosse fantastico, fosse forte ma con un fisico esteticamente più artistico. Negli anni 90 c'erano ragazze con il classico lesbo look ed erano anche sexy in un modo convenzionale, ragazze con la minigonna ed il mini top che se qualcuno le avesse appellate come troie l'avrebbero distrutto senza scompigliarsi i capelli, ragazze che cantavano testi disinibiti senza essere appellate come promiscue.

Amo i film perchè ti permettono di "vivere" altre vite non vivendole, si imparano così tante cose dai personaggi cinematografici come se fossero esperienze monito riportate dai propri genitori. Credo che la sensazione "tutto è possibile" sia meravigliosa, il nirvana (o i nirvana), un kurt cobain languido che vi strimpella Come as you are e poi ci prova con voi (non sono mai stata altrettanto fortunata, al massimo sono uscita con un batterista che mi raccontava della sua ultima overdose da coca davanti ad una bottiglia di Mapo Mapo... la mia adolescenza è stata tragicomica, capitemi).

Concludendo... diventate chi volete davvero, liberatevi dai canoni estetici che cullano false sicurezze, quei capelli lunghi non vi renderanno per forza più belle, quei tronchetti con il fiocchetto non vi faranno apparire più femminili perchè la bellezza, la femminilità e la forza non sono traducibili in quei quattro codici di genere/estetici che vediamo sempre ma sono cose innate e mutevoli trasmissibili solo quando le troviamo dentro di noi a modo nostro.

Liberatevi da tutte quelle pesanti sicurezze, da tutto quel "dover essere" e ammettiamolo: con gli stivali dalla punta in metallo ho dato certi calci nei coglioni (per difesa) indimenticabili 

You Might Also Like

2 commenti

  1. Che bel post :)!

    RispondiElimina
  2. Grande! =) bisgonerebbe stamparselo e appenderlo di fronte allo specchio.

    RispondiElimina

Like us on Facebook

Flickr Images