cinema LGBT

Tuo, Simon non è solamente un film

23:34

Oggi nei cinema è arrivato un film attesissimo ovvero Tuo, Simon tratto dal romanzo di Becky Albertalli. Il film vede come protagonista Simon un ragazzo nella media, con degli amici, bravo a scuola e con una famiglia felice ma Simon vive con un segreto, è gay.
Non l'ha mai detto a nessuno perché non si sente ancora pronto ma quando sul blog della scuola verrà inserito il post di sfogo di un ragazzo anonimo e non dichiarato, Simon deciderà di scrivergli, così da poter aver qualcuno nella sua stessa situazione con cui parlare. I due scopriranno di avere diverse cose in comune.

Non vi faccio spoiler perché vi consiglio di vederlo al cinema, Tuo, Simon è un film davvero adorabile ma che voi abbiate visto o meno il film ecco qualche curiosità per amarlo ancora di più.

Oltre il film
Il coming out ovvero il dichiararsi pubblicamente, è il tema centrale del film che viene trattato con molta delicatezza ed ironia. Molti ragazzi e ragazze grazie al film stanno trovando la spinta per dichiararsi alla propria famiglia o amici ma quello che forse non sapete è che il film ha fatto lo stesso effetto anche ad una persona molto vicina all'attore protagonista. Simon nel film è interpretato da Nick Robinson e durante le riprese suo fratello ha deciso di fare coming out.

Uno dei momenti più belli del film non era programmato
Se avete visto il film sicuramente vi sarete innamorati di una scena, quella che vede come protagonista Jennifer Garner nel ruolo di Emily, la madre di Simon. Quella è una delle scene più belle e toccanti del film eppure non esisteva, è stata inserita grazie alla richiesta di Jennifer Garner che una volta entrata nel progetto ha richiesto una scena dedicata al rapporto madre figlio.

Molto più che un film
Tuo, Simon è un film che sin da subito ha conquistato il pubblico più giovane ma è piaciuto molto anche a degli attori che hanno fatto qualcosa di meraviglioso. Kristen Bell, Matt Boomer, Tyler Oakley, Jesse Tyler Ferguson e Neil Patrick Harris hanno affittato dei cinema nelle loro città di provenienza offrendo la visione del film a tutti gli interessati, un modo per far conoscere il film e sensibilizzare sul tema. 

Tuo, Simon è un film davvero adorabile ma è anche un mezzo leggero per capire i sentimenti e le sensazioni di Simon, in inglese per dire "mettersi nei panni altrui" si usa l'espressione "in his shoes" ovvero mettersi nelle sue scarpe, nel caso voleste farlo alla lettera, Simon indossa sempre delle sneakers un po' come queste disponibili su Spartoo.

scarpe

Spiderman fa gli spoiler!

22:04

Tutti stanno parlando solamente di un film : Avengers infinity war!
Il film record di incassi sta conquistando anche i non fan dei cinecomic, ma se siete tra i pochi a non essere ancora riusciti a vederlo al cinema, tranquilli perché questo post sarà senza spoiler così non rovinarvi la sorpresa di scoprire la storia con i vostri occhi, pur dandovi delle curiosità interessanti sul film.

Avengers: infinity vede riunirsi sullo schermo gran parte dei personaggi dell'universo cinematografico Marvel, il motivo è un nemico comune che rappresenta una minaccia non solo per il pianeta terra ma per l'intera galassia!
Thanos ambisce al potere e tutti i supereroi così come gli antieroi dovranno fare fronte comune per impedirglielo.
Il film non è per nulla prevedibile ma pur sorprendendovi non mancherà di esaudire alcuni dei vostri desideri.

Ma ecco alcune curiosità sul film:

Spiderman fa spoiler
A dare volto e corpo a Spiderman è Tom Holland che per questo capitolo dei vendicatori è stato lasciato senza sceneggiatura, il motivo? gli spoiler! Infatti la produzione ha deciso di non dargliela dopo che per il film Spiderman Homecoming si era fatto sfuggire decisamente troppe cose.

E Wolverine?
Hugh Jackman il celebre volto di Wolverine, uno dei personaggi più amati tra gli X Men ha espresso diverse volte il suo desiderio di comparire nella saga degli Avengers, ma solo ad una condizione : comparire nei panni di Wolverine! Purtroppo l'attore ha annunciato nel 2017 di aver interpretato il ruolo del supereroe con gli artigli per l'ultima volta nel film Logan. Wolverine non comparirà negli Avengers, ma continuiamo a sperare per Deadpool, almeno per un cameo.

Robert Downey Jr. è davvero come Tony Stark
Il miliardario Tony Stark nella saga di Iron Man è un personaggio ricco, amato e un po' viziato, Robert Downey Jr. si è calato sin troppo bene nei suoi panni tanto da contrattare un accordo differente con la produzione, diverso rispetto a tutti gli altri attori! Robert poteva avanzare delle richieste particolari, come quella di far spostare tutti i mobili della sua casa di Los Angeles all'appartamento di Atlanta, città in cui si svolgevano le riprese. Capricci da star.

Se vi sentite in vena di unirvi ai vendicatori potrebbero esservi utili queste sneakers luminose di Cash Money disponibili su Spartoo


cinema

Gene Wilder in Ready Player One?

14:52

Ready Player One è finalmente arrivato nei cinema italiani! 
Se siete alla ricerca di un film indimenticabile, capace di farvi rivivere tutti i ricordi d'infanzia legati alla cultura pop allora è decisamente il film perfetto per voi. Se non siete ancora corsi al cinema, tranquilli perché questo post sarà privo di spoiler.

Ready Player One racconta di un futuro prossimo, in cui la realtà è così carica di problemi e tristezza che molte persone si rifugiano nella realtà virtuale quella dell'Oasis. Lì è possibile essere un vincente, costruire il proprio personaggio e a seconda delle ore giocate ottenere oggetti altrimenti preclusi nella vita reale. Ognuno sta nell'Oasis con fini differenti Wade, il protagonista ama giocare a una corsa in cui non ha mai vinto nessuno, la gara è stata ideata dall'eccentrico creatore dell'Oasis, un uomo schivo e amante della cultura pop. Ma questa gara oltre ad attirare l'attenzione dei fanboy viene giocata da una misteriosa e losca multinazionale.

Non vi dico oltre per non svelarvi troppo sul film, che secondo me merita di essere visto al cinema; ma ecco qualche curiosità interessante:

Ciao ciao zio Steven!
Il film è tratto dall'omonimo romanzo di Ernest Cline, il cui titolo è una citazione dei vecchi videogiochi arcade che avvisavano lo spettatore prima dell'inizio della partita. Il film stesso ha destato stupore sin dal rilascio del teaser proprio per una caratteristica: le innumerevoli citazioni! La cultura pop non è solo citata nel film ma utilizzata per costruire un ponte tra le persone e i loro ricordi, quello che forse non sapete è che il romanzo conteneva una grossa quantità di citazioni e riferimenti ai film anni 80 e 90 di Steven Spielberg. Il regista però una volta entrato nel progetto li ha eliminati quasi tutti per non far sembrare il film egocentrico. In un mondo in cui i registi abbondano di autocitazioni, zio Steven fa l'opposto mostrando una classe impagabile.

Chi è Halliday?
L'Oasis è una creazione di culto e il suo creatore Halliday non è da meno in quella società, lui stesso è diventato un'icona con ammiratori al suo seguito. Il personaggio di Halliday è interpretato magnificamente da Mark Rylance, capace di regalarci un personaggio umano con un tocco di anticonformismo ma Rylance non fu la prima scelta. Come sapete la produzione di un film inizia molto tempo prima della sua effettiva realizzazione, i registi o la produzione possono prendere i primi contatti con gli attori anche dieci anni prima dell'inizio delle riprese. Spielberg aveva in mente un attore ben preciso e molto amato a cui affidare il personaggio di Halliday: l'attore Gene Wilder noto per aver interpretato Willy Wonka nella prima trasposizione cinematografica di La Fabbrica di cioccolato. Purtroppo Gene Wilder declinò l'offerta.

Avete visto Ready Player One, vi è piaciuto? Basta poco per sentirsi un supereroe a metà tra passato e futuro come Wade, queste sneaker Supra disponibili su Spartoo potrebbero fare al caso vostro.




cinema

Foxtrot - La Danza Del Destino | Recensione

14:28



 Il 22 marzo uscirà FOXTROT di Samuel Maoz premiato con il Leone d'argento - Gran premio della giuria alla 74ª Mostra internazionale d'arte cinematografica di Venezia e candidato per Israele agli Oscar per miglior film straniero. Un film drammatico, da non perdere soprattutto per la regia; se siete aspiranti registi o registe dategli un'occhiata ;)

cinema

Avete notato il riferimento a Audrey Hepburn in La forma dell'acqua?

14:13

La notte degli Oscar è ormai alle porte, siete riusciti a recuperare i film che hanno collezionato maggiori nomination? Avete già un preferito?

The shape of water o La forma dell'acqua sembrerebbe essere il film da battere di questa edizione con ben 13 nomination sicuramente si poterà a casa diverse statuette ma ecco alcune curiosità sul film che potreste trovare interessante:

Uno strano posto per un'anteprima
In genere le anteprime avvengono sempre in luoghi rinomati, molto conosciuti e nelle grandi città statunitensi come Los Angeles o New York, a volte c'è un'anteprima europea a Londra ma solo in poche occasioni speciali le anteprime si svolgono altrove, come in questo caso. Nel 2017 il film è stato proiettato al Toronto International Film Festival, precisamente nel cinema Elgin, la scelta non è stata casuale, anzi ha aggiunto al film un dettaglio di realismo visto che proprio l'Elgin Theatre è stata una delle location del film, in questo modo gli spettatori hanno potuto vedere il film nello stesso cinema che si vede all'interno de La forma dell'acqua.

Ogni personaggio ha delle storie che il film non ha mostrato
Il regista Guillermo del Toro ha detto di aver scritto per ogni personaggio sullo schermo una biografia di circa 40 pagine, qualcosa che suggerisse il loro vissuto precedente a quello mostrato sullo schermo. La reazione degli attori però non è stata unanime Richard  Jenkins non l'ha neppure letta perché secondo lui conta solamente quello che si vede nel film, al contrario Michael Stuhlbarg l'ha trovata utile per la comprensione e costruzione del suo personaggio.

Riferimenti ad altri film
Il regista è un noto cinefilo ed i riferimenti ad altri film contenuti in La forma dell'acqua sono davvero tantissimi, il più esplicito è il riferimento per quanto riguarda la creatura del film e il classico horror Il mostro della laguna nera, ma non finisce qui molti dei personaggi sono stati scritti da del Toro avendo in mente un attore in particolare; per il personaggio di Octavia Spencer per esempio si è ispirato a due personaggi già interpretati dall'attrice, quello in Il diritto di contare e in The help. Ma proprio riguardo The Help, film che valse l'Oscar nel 2011 per Spencer ci sarà un'altra citazione nei dialoghi di Michael Shannon. Il personaggio interpretato da Sally Hawkins invece trae ispirazione da una delle attrici più amate nella storia del cinema ovvero Audrey Hepburn, la protagonista del film si chiama Elisa e sarebbe un rimando al personaggio di Eliza nel celebre My fair lady.

La forma dell'acqua ha fatto innamorare alcuni ma lasciato tiepidi altri, a voi è piaciuto?

Per Elisa la vita si tingerà di rosso, scarpe comprese che ricordano un po' queste décolleté disponibili su Spartoo

cinema

COSA MI CONSIGLI ? Serie Tv e Film di Febbraio

15:40



 Tutti i film citati:

I miei video su alcuni film citati
➡️ The Post 
➡️  Ave Cesare 
➡️  Video sui Golden Globe 
➡️  Vizio di Forma 

In uscita al cinema

- The Post di Steven Spielberg
- The Party di Sally Porter
- Black Panther di Ryan Coogler
- The Shape of Water di Guillermo del Toro
- Figlia Mia di Laura Bispuri
- Il filo nascosto di Paul Thomas Anderson
- La vedova Winchester di Michael Spierig, Peter Spierig
- The disaster Artist di James Franco
- Mom and Dad di Brian Taylor

In uscita su Netflix:
+ Altered Carbon
+ Coach Snoop
+ Changeling di Clint Eastwood
+ Ave Cesare dei Fratelli Coen
+ Machete Kills di Robert Rodriguez
+ I fantastici 5
+ Non c'è bisogno di presentazioni di David Letterman parte 2
+ Il rituale
+ Gloria Allred dalla parte delle vittime
+ Il mio grosso grasso matrimonio greco di Joel Zwick
+ Prince of Persia di Jordan Mechner
+ Everything sucks
+ Il giovane favoloso di Mario Martone
+ Fullmetal Alchemist
+ Mute di Duncan Jones
+ Lo chiamavano Jeeg Robot di Gabriele Mainetti

Like us on Facebook

Flickr Images